Diritto di critica sul lavoro, ma senza eccedere

In tema di rapporto di lavoro subordinato, l’esercizio del diritto di critica del lavoratore nei confronti del datore di lavoro è legittimo se limitato a difendere la propria posizione soggettiva, nel rispetto della verità oggettiva, con modalità e termini inidonei a ledere il decoro del datore di lavoro o del superiore gerarchico e a determinare un pregiudizio per l’impresa, rilevando i limiti della continenza sostanziale e formale, superati i quali la condotta assume carattere diffamatorio. E’ quanto ha affermato la Cassazione Sez. lavoro con l’Ordinanza n. 113 del 7/01/2020



Lascia un commento