Licenziamento per giustificato motivo oggettivo e obbligo di “repechage”

Licenziamento per giustificato motivo oggettivo e obbligo di “repechage”

Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo si configura quando lo stesso si renda necessario per ragioni inerenti all’attività produttiva, all’organizzazione del lavoro oppure al regolare funzionamento di essa. La giurisprudenza, in materia, è da tempo costante nell’affermare che la soppressione del posto di lavoro come giustificato motivo oggettivo ex art. 3 l. 604/66 deve soddisfare, per essere legittimo, le seguenti condizioni:  1) deve rispondere ai criteri di corretta gestione aziendale; 2) deve essere effettiva;3) deve sussistere l’impossibilità di utilizzare…

Continua