decreto rilancio -IRAP - contributi fondo perduto

Habemus decretum: IRAP E FONDO PERDUTO

Ultimi Articoli

La cedolare secca

La cedolare secca può essere un’opportunità di risparmio per il locatore con qualche vantaggio anche per il conduttore. La scelta, che sostituisce alcune imposte, deve

Cinema e Teatro riaprono?

Riaprire o non riaprire i cinema e i teatri? Se si riapre come lo si può fare? Se non si riapre come possono sopravvivere queste attività?

Vediamo chi sono i beneficiari e gli esclusi dalle agevolazioni IRAP e dai contributi a fondo perduto previsti nel Decreto Rilancio approntato dal governo per affrontare la crisi dovuta alla pandemia: come si calcolano e quali le verifiche

Contenuti

Continuiamo la nostra carrellata sul nuovo decreto rilancio, dopo il REM questa volta ci concentriamo sulla IRAP e il fondo perduto chi sono i beneficiari e gli esclusi. Vediamo insieme la concretezza dei due supporti più chiacchierati nell’ultima settimana. 

Imposta regionale sulle attività produttive IRAP

Beneficiari agevolazioni IRAP:

le imprese con volume di ricavi non superiore a 250 milioni di euro e i lavoratori autonomi con corrispondente volume di compensi nel periodo di imposta precedente a quello dell’entrata in vigore del DL Rilancio; 

Esclusi:

  1. imprese e autonomi con ricavo superiore ai 250 milioni di euro nel periodo di imposta precedente a quello dell’entrata in vigore del DL Rilancio;
  2. banche ed enti e società finanziarie;
  3. imprese assicurative; 
  4. amministrazioni ed enti pubblici;

Supporto

  1. no al saldo IRAP relativo al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2019;
  2. no alla prima rata di acconto IRAP (pari al 40%) del periodo di imposta successivo  a quello in corso al 31 dicembre 2019, cioè IRAP 2020;
  3. NB: fermo restando l’obbligo di acconto imposta 2019.

Contributo a fondo perduto

Beneficiari del contributo a fondo perduto:

  1. i soggetti esercenti attività di impresa e di lavoro autonomo e di reddito agrario (ex art. 32, comma 2, TIUR), titolari di Partita Iva con fatturato inferiore ai 5 milioni di euro. Fatturato che deve essere stato nel mese di aprile 2020 inferiore ai 2/3 di quello dichiarato nel medesimo periodo dello scorso anno.
  2. Start up e Partite Iva nate nel 2019 accedono al fondo anche senza riduzione di fatturato;

Esclusi dal contributo a fondo perduto:

  1. gli esercenti attività con fatturato al di sopra del massimale da 5 milioni di euro di cui sopra;
  2. autonomi la cui attività risulti cessata alla data del 31 marzo 2020;
  3. gli enti pubblici come definiti ex art. 74 del Testo Unico sulle Imposte sui Redditi TIUR;
  4. i soggetti ed intermediari finanziari come definiti ex art. 162-bis del Testo Unico sulle Imposte sui Redditi TIUR; 
  5. i beneficiari di indennità previste ex artt. 27, 38 e 44 del DL CURA ITALIA convertito con modificazioni dalla Legge 24 aprile 2020, n.27;

Supporto:

  1.  il fondo perduto non rileva ai fini della formazione della base imponibile sui redditi;
  2. l’entità minima del fondo disponibile è pari a 1.000 euro per la persona fisica e pari a 2.000 euro per gli esercenti in possesso dei requisiti di accesso diversi dalle persone fisiche; 

Metodologia di calcolo:

il DL Rilancio indica la metodologia di calcolo ai fini dell’erogazione della somma spettante al beneficiario:

  • calcolo della differenza tra il fatturato aprile 2020 e id il fatturato aprile 2019; nel caso in cui la differenza di fatturato sia pari o superiori ai 2/3 si può procedere al calcolo dell’entità spettante;
  • applicazione di una delle percentuali previste dal DL Rilancio al risultato del calcolo di cui sopra, come segue:
  1. 20% per i beneficiari con ricavi/compensi non superiori a 400.000 euro nel periodo di imposta precedente a quello in corso alla data dell’entrata in vigore del DL Rilancio;
  2. 15% per i beneficiari con ricavi/compensi da 400.000 euro a 1.000.000 di euro nel periodo di imposta precedente a quello in corso alla data dell’entrata in vigore del DL Rilancio; 
  3. 10% per i beneficiari con ricavi/compensi da 1.000.000 di euro fino a 5.000.000 di euro nel periodo di imposta precedente a quello in corso alla data dell’entrata in vigore del DL Rilancio;

la modalità di istanza del fondo perduto è attivata dall’Agenzia delle Entrate e la tempistica valida per effettuare la richiesta è di sessanta giorni;

Verifiche sui benefici IRAP e sul contributo a fondo perduto

In caso di dichiarazioni mendaci rilevate dai controlli ex artt. 31 e successivi del decreto n. 600 1973 del Presidente della Repubblica il beneficio percepito indebitamente (anche parzialmente indebitamente!/anche a livello della documentazione antimafia appositamente rilasciata) sarà restituito e il contribuente sanzionato: occhio al Codice Penale! Inoltre, il richiedente, in caso di successiva situazione di cessata attività, è tenuto a conservare ogni elemento giustificativo del fondo percepito e ad esibirlo a richiesta dell’amministrazione finanziaria (occhio al 316-ter c.p.).

La cedolare secca

La cedolare secca può essere un’opportunità di risparmio per il locatore con qualche vantaggio anche per il conduttore. La scelta, che sostituisce alcune imposte, deve

Cinema e Teatro riaprono?

Riaprire o non riaprire i cinema e i teatri? Se si riapre come lo si può fare? Se non si riapre come possono sopravvivere queste attività?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Articoli Correlati
cedolare secca 2020

La cedolare secca

La cedolare secca può essere un’opportunità di risparmio per il locatore con qualche vantaggio anche

decreto rilancio

Decreto rilancio – ex decreto aprile/maggio: la manovra da 55 miliardi

Il decreto rilancio (ex decreto aprile/maggio) nella sua bozza prevede 55 miliardi da distribuire nei diversi settori, vediamo quali agevolazioni prevede per i diversi settori lavorativi e produttivi italiani.

Si andrà dalle agevolazioni per le badanti a quelle per le imprese, con ovviamente incentivazione negli investimenti sia pubblici che privati.